Posted on Lascia un commento

I servizi online di HPH


WWW.HOMEPETHOME.IT è un sito internet che fornisce un servizio innovativo di  Interior Design a misura di animale domestico, con integrazione delle competenze dell’architetto e del veterinario.

HomePetHome ha pensato 3 diversi pacchetti di servizi online per rendere la casa a misura del tuo gatto o del tuo cane grazie all’aiuto del veterinario e dell’architetto.

I servizi online sono tarati in tre diverse fasce di prezzo, a seconda delle esigenze di ognuno. Il pacchetto più piccolo è MINI HPH consulenza online, ideale per chi ha 1 o 2 gatti e cerca idee e consigli degli esperti (veterinario ed architetto) per rendere la casa a misura di gatto. Il pacchetto intermedio è HPH parete attrezzata, ideale per chi ha 1 o 2 gatti e vorrebbe attrezzare per loro una o due pareti della casa. Il pacchetto completo HPH casa a misura di gatto/cane è l’ideale per chi ha 1 o 2 animali domestici e vorrebbe rendere la propria casa anche a loro misura.

SCOPRI tutti i pacchetti cliccando qui
Non hai trovato quello che cerchi? Scrivici a info@homepethme.it per un preventivo personalizzato



Posted on Lascia un commento

Mirtilla, Principessa e la nuova parete attrezzata progettata da HPH

Home Pet Home (HPH) ha realizzato il progetto di parete attrezzata per le bellissime micie Mirtilla e Principessa. Scopriamolo insieme!

COM’E’ NATO IL PROGETTO

Qualche tempo fa Silvia ci ha contattato e ci ha commissionato una parete per gatti: le piaceva l’idea di fare un regalo alle proprie gatte Mirtilla e Principessa. Una parete attrezzata dove loro potessero arrampicarsi e muoversi ma anche riposarsi in tutta tranquillità.

fase 1: LA SCHEDA COMPORTAMENTALE

Come di solito facciamo quando iniziamo a progettare un nuovo spazio abitativo, abbiamo fatto compilare il questionario standard che utilizziamo per raccogliere le informazioni sul comportamento degli animali presenti in casa. In più abbiamo preso contatto telefonico e via e-mail per definire ancora meglio il carattere delle due gatte, le loro esigenze comportamentali e la relazione che hanno tra loro e con Silvia.

Principessa

Fin da subito è emerso che Mirtilla è la più spigliata ed esuberante delle due, mentre Principessa è più riservata e timida. Entrambe sono molto affettuose con Silvia anche se Mirtilla è certamente più espansiva. Mirtilla e Principessa non vanno molto d’accordo tra loro e quindi preferiscono vedersi poco. Gli unici momenti della giornata in cui stanno volentieri assieme sono nel corso della mattinata quando ogni tanto si affacciano alla finestra in particolare se sentono un rumore improvviso e la sera nel letto con Silvia. Principessa, poi, subisce il carattere più intraprendente di Mirtilla e spesso preferisce isolarsi sul piano di lavoro della cucina dove Silvia ha saggiamente messo un comodo cuscino.

fase 2: IL PROGETTO SPAZIALE MODULARE

Successivamente siamo passati a disegnare, in base al rilievo, il 3D della stanza, con gli ingombri reali dei mobili, in modo da poter verificare attraverso alcune soluzioni progettuali alternative, quali elementi d’arredo per le gatte posizionare (ponte tibetano? rifugio?) e dove collocarli con esattezza rispetto agli spazi di manovra occorrenti per le gatte e per Silvia. Il risultato è il un progetto è modulare, ossia che offre la possibilità di costruire il percorso per tappe, in modo da dilazionarne i costi di realizzazione.

Come primo modulo progettuale noi di HPH abbiamo pensato di attrezzare per prima la parete in prossimità del divano perché era libera da ingombri (arredi, impianti, elementi strutturali) ma soprattutto perché in questo modo il percorso avrebbe costituito un elemento di orbitazione intorno alla proprietaria Silvia dando modo alle due gatte di scendere sul divano proprio per stare assieme a lei.

L‘idea progettuale complessiva prevede l’installazione di un percorso costituito da una serie di mensole e moduli da parete che parta a lato del divano per poi dipanarsi in due direzioni: la prima verso il top del frigorifero mentre la seconda in direzione opposta verso la finestra. In più con la messa in opera di poche altre mensole è possibile collegare il piano da lavoro della cucina dove riposa Principessa con il tavolino alla finestra dove di solito si incontrano amichevolmente le due micie.

BUDGET E RISULTATO

Con un budget per gli arredi inferiore a 300 € abbiamo così potuto realizzare la prima parte del progetto ossia la parete attrezzata dietro al divano!  Questa sarà il punto di partenza della realizzazione complessiva che Silvia potrà, con le tempistiche a lei più comode, completare agevolmente.

Adesso le due gatte hanno più spazio a loro disposizione. Mirtilla è andata subito ad esplorare i nuovi elementi della parete attrezzata. A poco a poco però anche Principessa si è fatta coraggio ed è finalmente scesa dal suo rifugio sulla cucina per andare a dare un’occhiata. Adesso le due gatte utilizzano il nuovo spazio a loro disposizione in modo alterno: mai assieme, sia mai! Inoltre le scaramucce quotidiane tra le due sono diventate sempre più rare e adesso si incontrano molto più volentieri e più spesso sul piccolo tavolino in prossimità della finestra.

Insomma il percorso, anche se solo in parte realizzato, ha costituito un elemento di arricchimento ambientale notevole per le due micie, figuriamoci quando tutto il percorso sarà finalmente completato!

Posted on 2 commenti

Come montare la parete attrezzata per gatti 1

Come ben sanno tutti gli amanti dei gatti, ai nostri amici a quattro zampe piace saltare in lungo ed in largo e, specialmente se non si dispone di uno spazio all’aperto, ogni arredo di casa diventa per loro una rampa di lancio o un punto di atterraggio. Per evitare danni a tendaggi e suppellettili ed allo stesso tempo assecondare la voglia di avventura del nostro gatto niente di meglio che attrezzare una parete con ripiani e rifugi a diverse altezza, così il micio potrà correre o riposarsi vegliando dall’alto tutta la casa. Ma come montare la parete attrezzata? Ecco 4 semplici consigli pratici!

1) Prima di tutto tenere presente che occorre scegliere con accortezza i tasselli che sorreggono le mensole in relazione a due fattori: peso del gatto e tipologia del  supporto al quale fissare gli arredi.

La maggioranza delle mensole e dei rifugi statici in commercio sono dimensionati per sopportare un peso massimo di circa 15 kg per cui i tasselli dovranno essere dimensionati di conseguenza ed opportunamente distanziati tra loro. L’ideale è distribuire il peso su un numero maggiore di tasselli e maggiorare il carico per considerare che il gatto, saltando, esercita un peso anche molto concentrato in un punto.

2) In merito al tipo di supporto al quale fissare gli arredi solitamente ci troviamo di fronte a   pareti di laterizio ma può capitare di incontrare anche elementi in calcestruzzo, come travi o pilastri. Controllate sempre sulla confezione che il  tassello scelto per il fissaggio sia idoneo al tipo di supporto  per evitare che con l’uso il tassello si sfili ricordando che pareti in cartongesso non sono in ogni caso adatte per sopportare il peso di pareti attrezzate per gatti.

3) Un altro aspetto da tenere presente nel montaggio della parete attrezzata è la distanza, verticale ed orizzontale, da lasciare  tra gli elementi affinché il gatto salti senza problemi sia in alto che in avanti. In media è bene non distanziare oltre i 30 cm i diversi componenti della parete attrezzata e tenere a mente che gatti più avventurosi potranno gradire anche salti più lunghi, fino a 40 cm, mentre gatti anziani o timorosi preferiscono distanze inferiori.

4) Per concludere questa prima carrellata di consigli pratici sulla parete attrezzata è bene ricordare che  nel montaggio di mensole e rifugi si dovrà tenere conto anche di non interferire con il passaggio di canalizzazioni all’interno delle murature (condotte dell’acqua, fili elettrici, tubi del gas). Se non avete lo schema degli impianti di casa meglio stare, con fori ed arredi, ad almeno 20 cm dal pavimento, per evitare canalizzazioni orizzontali di gas ed elettricità che devono stare a 15 cm dal pavimento, ad almeno 20 cm dalle porte e dalle finestre, per evitare interruttori e passaggio di fili elettrici in verticale e lontano dalla parete a comune con bagno o con la  cucina dove le condotte potrebbero facilmente passare anche ad altezze diverse. In ogni caso fate attenzione perchè queste distanze non sono sempre valide, specialmente nelle vecchie case.